Aeroporto di Roma Fiumicino

SERVIZIO: Verifica degli indicatori di stato delle pavimentazioni
COMMITTENTE: ADR Engineering SpA
OPERA: Aeroporto “Leonardo da Vinci” di Roma Fiumicino
ANNO: 2008-2009

DESCRIZIONE: Su incarico di ADR Engineering, tra l’ottobre 2008 e il marzo 2009, Sineco ha condotto una campagna di rilievi ad alto rendimento finalizzata all’analisi degli ammaloramenti superficiali, delle caratteristiche funzionali e strutturali delle pavimentazioni flessibili e semirigide delle infrastrutture di volo dell’aeroporto di Roma Fiumicino.

Le infrastrutture, oggetto di studio, sono state quelle ricadenti nei cosiddetti “Sistema Pista 1”, “Sistema Pista 2”, “Sistema Pista 3” e “Apron”, per uno sviluppo complessivo lineare di 60 km circa di piste, taxiway e raccordi.

In particolare, finalità dello studio è stata la determinazione, per ogni singola infrastruttura, del parametro PCN (Pavement Classification Number) così come definito dall’Annesso 14 dell’ICAO, dell’indice IRI (International Roughness Index), che rappresenta lo standard internazionale di riferimento per definire le caratteristiche di regolarità longitudinale, della regolarità trasversale espressa in termini di ormaia (RUT) e, infine, dello stato di ammaloramento superficiale tramite la determinazione dell’indice PCI (Pavement Condition Index) così come definito dalla norma ASTM D 5340-98.

In funzione del dato da rilevare, sono state impiegate diverse strumentazioni tra cui in particolare:

  • strumentazione HWD (Heavy Weight Deflectometer), per la verifica delle caratteristiche meccaniche (Moduli Elastici) delle pavimentazioni e del sottofondo;
  • strumentazione ARAN (Automatic Road Analyzer), che ha effettuato il rilievo senza soluzione di continuità, impiegando diversi sottosistemi tra loro integrati tra cui un sistema di navigazione POS LV 420 Applanix, necessario per la georeferenziazione dei dati, un sistema profilometrico longitudinale formato da laser SDP di Classe 1; una barra profilometrica anteriore per la misura del profilo trasversale e delle ormaie;
  • infine, il sistema LRIS (Laser Road Imaging System), posto sul retro del veicolo ARAN, per l’acquisizione di immagini digitali ortopiane ad alta definizione (grandezza pixel 1*1 mm) della superficie pavimentata da cui ricavare la natura e severità degli ammaloramenti superficiali.

L’indagine georadar è stata opportunamente integrata da una campagna di carotaggi di calibrazione per la verifica puntuale degli spessori.

L’incarico ha infine previsto l’informatizzazione dei dati e la fornitura di un software di visualizzazione delle immagini digitali georiferite relative alla superficie delle pavimentazioni.

SETTORE:

  • Rilievi alto rendimento

TORNA AD AEROPORTI >